Editoriale

Markus Klingler, dirigente della commissione UE, è stato chiaro: il testo del nuovo regolamento CE che sostituirà l’attuale 1576, che data al 1989, è finalmente definitivo. Eventuali revisioni potranno essere prese in considerazione soltanto in futuro, in un lontano futuro. Ma è stato altrettanto chiaro su un altro punto: la palla ora passa ai paesi membri.

Su questo numero di Grappa News riportiamo i risultati della nostra “Seconda ricerca sul turista della grappa”. L’abbiamo condotta durante l’ultima edizione di Grapperie Aperte, che è stata segnata, come quelle precedenti, da un gran numero di visitatori. Noterete leggendo i risultati che i motivi che hanno portato i visitatori in distilleria sono stati essenzialmente diversi.

E con questo siamo a dodici. Alla fine del 2006 abbiamo dato alle stampe, telematiche s’intende, questo nostro Grappa News. Che con questo numero festeggia quindi il primo anno di vita.

Dopo la fantastica festa di Grapperie Aperte, viene da domandarsi ora se qualcuno ci vuole fare la festa. Scusatemi il linguaggio forse un po’ troppo familiare e permettetemi di spiegarmi.

No, non preoccupatevi, non vogliamo proporre modelli di democrazia alternativi, come sembra invece molto di moda in questi giorni. Vogliamo riflettere piuttosto su un aspetto posto in luce dal professor Enrico Finzi durante l’ultimo, ottimo, Grappa Day di metà settembre.

A leggere il titolo di questo mio editoriale, sembra che qualcuno sia incorso in un errore e abbia pubblicato ad agosto un pezzo scritto per l’edizione di dicembre. Non è così, e non siamo nemmeno impazziti. Per le distillerie l’anno non coincide con quello classico, che inizia il primo gennaio e si chiude il 31 dicembre.

Mi trovo in autobus, freddissimo per l'aria condizionata gelida che è un must per gli americani. Fuori un violento temporale imperversa, cercando di abbassare la temperatura di oltre 35 gradi che opprime questa New York di luglio.

A Bordeaux si è appena chiuso Vinexpo, l’importante manifestazione vinicola francese. In un clima atmosferico stranamente fresco, e dunque favorevole rispetto a tutte le ultime edizioni, e in un clima commerciale che definirei ottimistico e abbastanza frenetico, quest'anno a fianco delle infinite case vinicole che costellavano la fiera si sono fatti notare alcuni produttori di grappa.