E' donna un turista della grappa su tre

di Carlo Odello

Secondo quanto emerge dalla "Prima ricerca sul turista della grappa" un visitatore di Grapperie Aperte 2006 su tre è di sesso femminile (36% contro il 64% degli uomini). I visitatori delle distillerie sono stati quindi in prevalenza uomini, ma il dato relativo al pubblico femminile è positivo e dimostra una volta di più che esiste un interesse delle donne nei confronti della grappa (la ricerca è stata condotta su 355 visitatori di Grapperie Aperte 2006 tramite un questionario).
Se il visitatore uomo di Grapperie Aperte ha dichiarato di interessarsi alla grappa perché si considera un consumatore attento (30%) o è un appassionato del prodotto (33%), la visitatrice donna entra in distilleria soprattutto per curiosità (così ha risposto il 54% delle intervistate). Nettamente differente anche il modo in cui si sceglie la grappa. Gli uomini si sentono più sicuri di sè: la maggioranza dei visitatori (51%) prova personalmente diversi tipi per farsi un'idea, solo pochi (25%) chiedono un consiglio al venditore, agli amici o a parenti. Anche le donne provano diversi prodotti (39%) ma sono, al contrario degli uomini, molto inclini a farsi consigliare (43%).
Diversa l'opinione anche su cos'è la grappa. Se per la maggioranza degli uomini in visita in distilleria questa è soprattutto un piacere dei sensi (39%) e solo per pochi un digestivo (26%), per le donne il giudizio è pressoché unanime: circa un terzo (35%) la considera un digestivo, ma per quasi un altro terzo è un piacere dei sensi (31%). A dimostrazione della raffinatezza del pubblico femminile che della grappa sa cogliere tanto il momento edonico che quello più tradizionale.